SCUOLA PUBBLICA “LOS ROMERALES” . Sotos, Cuenca.

imagen-principal
Proprietà: Junta de Castilla La Mancha, Consejería de Educación y Ciencia
Progetto e direzione dei lavori: José Enrique Fombella Guillem
Data: 2009
Accanto a una piccola scuola rurale, si progetta un spazio multifunzionale per l`uso comunale.

Questa sala, che si trova di fronte all`entrata della scuola, appare come una scatola piegata di cemento colorato sopra muri di mattone bianco vetrificato.

Si produce una doppia iluminazione all`interno dell`edificio: mentre i lati Nord e Sud danno una luce omogenea, sulle facciate Est e Ovest si approno piccoli buchi che suggeriscono un movimento dinamico della luce che fà un percorso all`interno col passo dell`ore del giorno.

La galleria esterna che rende possibile il collegamento tra entrambi gli edifici é supportata da colonne sottili di metallo, inclínate e di diversi colori, che danno un aspetto dinamico alla galleria come se si muovesse con noi quando camminiamo sotto.
Questa galleria serve anche come veranda, accesso e sfondo della scuola esistente.



SCUOLA PUBBLICA “ALONSO QUIJANO”

imagen-principal
Proprietà: Junta de Castilla La Mancha, Consejería de Educación y Ciencia. Delegación Provincial de Cuenca.
Progettisti: José Enrique Fombella Guillem e Antonio Mata Mesa
Data: 2008-2009

La Consejería di Educazione della Junta di Castilla La Mancha, ha convocato un concorso di progetto fra diversi team di architetti, la nostra proposta ha vinto e pertanto abbiamo fatto il progetto.

In questo progetto abbiamo utilizzato metodi che, come se fosse un intervento chirurgico hanno rimosso le parti senza valore e hanno ristrutturato quelle che abbiamo mantenuto, per dare a tutto l`edificio un nuovo impulso che gli permetta di avere un buon uso e aspetto durante molti anni, in un equilibrio sempre difficile tra l`economicamente accettabile e l`architettonicamente valido .

È così che si propone un cambio drastico che non solo riguarda l`organizzazione interna ma anche le facciate, sulle quali si progetta uno strato fatto di metallo galvanizzato orizzontale come se fosse una seconda pelle che si apra puntualmente dove si trovano le finestre e che migliori la sicurezza e la protezione solare.
Questa nuova facciata dà all`edificio un aspetto neutrale, più funzionale e pulito.

L`edificio non si è ancora costruito, nonostante l`austero preventivo economico.



122 ALLOGGI DI EDILIZIA POPOLARE DI PROTEZIONE PUBBLICA, NEGOZI E GARAGE. PAU-4. MOSTOLES (MADRID).

imagen-principal
Proprietà: Instituto Municipal del Suelo de Móstoles (IMS). Comune di Móstoles, Madrid
Progetto e direzione dei lavori: José Enrique Fombella Guillem
Data: 2007-2009

Il Comune della città di Móstoles, attraverso l’Impresa Comunale per l’alloggio sociale (IMS) ha organizzato un concorso a numero chiuso che il nostro studio ha vinto.

Oltre agli alloggi sociali ci sono uffici, negozi, parcheggio, e lo spazio circostante è stato proggettato e sfruttato nel migliore dei modi.

Gli uffici si ragruppano da fronte ad una zona pubblica molto frequentata, mentre gli appartamenti e i negozi si trovano davanti una piccola strada pedonale progettata sopra il garage.

Due grandi buchi si aprono sulle facciate delle case per illuminare, ingrandire e soleggiare la strada pedonale.

La facciata degli appartamenti si costruisce con elementi prefabbricati di cemento, mentre la facciata degli uffici viene fatta con panelli di alluminio e rame seguendo una composizione astratta.

Sul tetto dell’edificio si trovano tutte le istallazioni comuni raggruppate in due volumi rossi che sottolineano la loro presenza.



SCUOLA PUBBLICA MATERNA ED ELEMENTARE “CIUDAD ENCANTADA”. Cuenca.

imagen-principal

Proprietà: Junta de Castilla La Mancha, Consejería di Educación e Ciencia
Progettista: José Enrique Fombella Guillem
Data: 2005
In un intorno senza nessun valore paesaggistico o ambientale, e con le ferrovie dietro, si progetta un edificio lineale che si allontana tutto ciò che si può del rumore del treno, in una composizione astratta di volumi con diverse forme, colori e dimensioni.

Ogni funzione che si ospita all`interno della scuola, occupa un edificio diverso in corpi edificati connettati tra loro per gli accersi al centro scolastico, che si situano indietro rispetto alla facciata principale.

Gli accesi sono spazi a doppia altezza e ben illuminati che articolano le diverse parti della scuola.

Le aree di palestra e sala di pranzo si trovano alle estremità dell`edificio con maggior altezza e abbracciono le verande che con una rete di acciaio inossidabile risolvono la protezione solare delle aule.



190 APPARTAMENTI PER GLI INSEGNANTI


Proprietà: Universidad Rey Juan Carlos I
Progettisti e direttori dei lavori: José Enrique Fombella Guillem e Antonio Mata Mesa
Data: 2005-2007

Così come fanno le università di prestigio d`altri paesi, la università Rey Juan Carlos a Madrid ha deciso di costruire alloggi per gli insegnanti e impiegati, accanto al campus della università stessa. Questi alloggi sono statiassegnati con la formula di affitto con opzione ad acquisto.

La soluzione proposta non segue una tipologia convenzionale con edifici separati, secondo la norma urbanistica locale, mà attraverso un cambiamento della stessa norma, siamo riusciti a dare un posizionamento diverso agli edifici combinando le zone costruiti con spazi di uso pedonale e zona di relax.

Gli edifici si situano in due linee paralele con un unico ingresso centrale pedonale nella zona superiore e con un parcheggio sotterraneo. Nei marciapiedi centrale si trovano gli accessi agli appartamenti e alla zona piscina e area gioco.

La soluzione proggiettata permette lasciar libero il massimo spazio possibile, e dà all`insieme un`ambientazione ed una proporzione adattate al paessaggio circostante. Inoltre questi spazi sono particolarmente confortevoli sia per rilassarsi che per camminare.

A questo contribuisce il modo di costruire le vie d`accesso agli appartamenti, risparmiando sul numero di scale e ascensori, quindi si fanno ponti tra gli edifici per la connessione tra loro, mentre le entrate degli appartamenti a pianterreno si trovano nel marciapiedi interno, rendendo gli spazi più usufriuibili.

Siamo riusciti a fare in modo che tutti gli appartamenti siano uguali, come forma e distribuzione interna per ogni tipologia proposta dall`università. Tutti gli appartamenti dispongono di un spazio esterno privato protetto dello sguardo dei vicini e collegato all`ingresso.

La zona giorno è rivolta verso le aree piú affollate mentre la zona notte si trova di fronte ai marciapiedi interni piú tranquili.

In ogni soggiorno si trova una zona ufficio con doppia illuminazione e ventilazione che dota l`alloggio di un spazio complementare multifunzionale.



60 ALLOGGI DI EDILIZIA POPOLARE DI PROTEZIONE PUBBLICA E GARAGE IN AFFITTO. PAU-4. MOSTOLES, Madrid

foto-principal-en-escorzo
Proprietà: Instituto Municipal del Suelo de Móstoles (IMS). Ayuntamiento de Móstoles, Madrid
Progettisti: José Enrique Fombella Guillem e Antonio Mata Mesa
Direttore dei lavori: José Enrique Fombella Guillem
Data: 2004-2007

Il nostro studio ha vinto il concorso a numero chiuso che Il Comune della città di Móstoles, attraverso l`Impresa Comunale per l`alloggio sociale (IMS) ha organizzato.

L`obbiettivo del progetto è la costtruzione di sessanta unità di alloggi temporanei in affitto per persone anziane e giovani, e così soddisfare la domanda di famiglie a basso reddito.

La costruzione si compone di quattro edifici separati disposti ai lati del lotto, con tre edifici a due livelli e uno a tre . Questa soluzione permette liberare il massimo dello spazio non costruito oltre ad avere una zona comune all`interno di convivenza intergenerazionale.

Per un ottimo uso dell lotto disponibile, si mette solo un accesso per le automobili per tutto l`edificio che porta al livello seminterrato dei garaje, facendo così più facile l`accessibilita pedonale e l`uso del terreno disponibile.

La proposta del progetto, mette a piano terra gli alloggi dalle persone anziane in connessione con lo spazio libero e i giardini. Gli alloggi dei giovani si mettono in primo e secondo piano.

Tutte gli edifici sono collegati tra loro da corridoi esterni, con scale e ascensori di connessione verticale tra tutti i livelli incudendo il garage.

Gli alloggi hanno lo stesso minimo programma funzionale di soggiorno, camera da letto, cucina e bagno, il soggiorno e la camera da letto si commutano tra loro secondo siano alloggi di giovani o di persone anziane, mentre il bagno e la cucina mantengono la loro posizione centrale.

Oltre agli alloggi si progetta un locale comune a pianoterra, di servizi, luogo di incontro e lavanderia. Tutte le installazioni sono comuni, permettendo una gestione centralizzata ed economica delle risorse energetiche.

In questo progetto si ha utilizzato un sistema costruttivo, semi-industrializzato composto d`elementi prefabbricatti e standarizzatti sopra una struttura fatta “in situ”, e questo ha ridoto il prezzo della costruzione.



BIBLIOTECA DELL’UNIVERSITÀ REY JUAN CARLOS

foto-principal
Proprietà: CAMPUS UNIVERSITARIO URJC, Madrid
Progettisti e direttori dei lavori: José Enrique Fombella Guillem e Antonio Mata Mesa
Data: 2002-2004

Il progetto è il risultato del concorso publico organizzato dall’università Rey Juan Carlos che abbiamo vinto.

Il progetto parte dell’idea di considerare una biblioteca universitaria come un contenitore aperto e flessibile, capace di ospitare cambiamenti che si producono con l’arrivo delle nuove tecnologie.

Si dà importanza agli spazi interni, particolarmente a quelli che sono vicini alle aree di studio e lettura e costituiscono zone di riposo e relax.

L’edificio si colloca sull’asse centrale del Campus, alla fine del percorso visuale dall’entrata principale, con una volumetria potente e un uso dei materiali che concorda con l’uso della biblioteca.

L’entrata alla biblioteca si costruisce come se fosse un volume orizzontale sospeso sopra l’acqua di un piccolo lago, il resto dell’edificazione si organizza in tre blocchi distinti, ciascuno progettato con materiali diversi per caratterizzare il loro uso.

La grande sala lettura, è un prisma ricoperto di pietra chiuso all’esterno e costituisce il centro della biblioteca.

Questo spazio su tre livelli è attraversato da un patio centrale con un lucernario cenitale. La comunicazione tra i diversi livelli è possibile grazie ad una scala circolare avvolta in vetro.

L’edificio costruito ha un carattere centripreto, accogliente e luminoso, inoltre rimarca le qualità di concentrazione, tranquilità e studio che sono inerenti in una biblioteca universitaria.



RISTRUTTURAZIONE E RIFORMA DELL`EDIFICIO “TORREFORUM”

imagen-principal
Proprietà: Comune di Torrelodones, Madrid
Progettisti e direttori dei lavori: José Enrique Fombella Guillem e Francisco Javier Morla Juaristi
Data: 2002-2004

L’edificio “Torreforum” era un club privato sportivo costruito negli anni sessanta con una buona qualità architettonica. Quando diventa un edificio del Comune, l’edificio ha sofferto modifiche e presenta un alto grado di deterioramento.

Il progetto propone una ristrutturazione che prima di tutto risalti le qualità architettoniche originali, e restituisca e rimetta a nuovo l’edificio per un uso pubblico multifunzionale.

L’intervento raggiunge tutti gli aspetti, che includono, installazioni, finiture interne ed esterne, struttura e accessi.

Molto importante risultò mettere in evidenza la immagine esteriore, (il luogo è molto visibile dal vicinato) quindi la riutilizzazione dei materiali originali e la selezione di altri nuovi si diresse verso questo fine.

È stata anche importante la scelta delle specie vegetali e il trattamento dello spazio esterno accanto all’edificio, organizzando l’ampio terreno circostante.



DUE CASE A SCHIERA: Calle Ángeles de las Heras, (MADRID)

imagen-principal

Progettisti e direttori dei lavori: José Enrique Fombella Guillem e Eduardo Paniagua García-Calderón
Data: 1988-1990

In una zona urbana con enormi variazioni tipologiche, il progetto riprende la tradizione delle antiche colonie di case tipiche di Madrid. Quello che era più interessante; un`organizzazione complessa all`interno dove gli spazi si sovrappongono orizzontalmente e verticalmente su un piano aperto, mentre si recupera un linguaggio moderno che vuole rimanere invariabile nel tempo seguendo una tradizione razionalista.

Le case sono diverse tra loro, sebbene conservino la stessa apparienza di edificio unico, potente e ben disegnato sull`orizonte urbano vicino.

Le terrazze posteriori si scaglionano per dare spazio ai giardini privati, e il trattamento delle facciate concorda con gli spazi interiori che combinano aree di doppia altezza di buona illuminazione naturale ottenuta attraverso lucerni sul tetto.

Le parti dell`edificio che si affacciano alla strada, sono utilizzati come uffici professionali con entrata diretta dalla via pubblica, e questo permette di avere più superficie atterrazzata sui tetti in case che hanno giardini relativamente piccoli.



QUATTRO CASE A SCHIERA: Calle Almanzora, MADRID.

imagen-principal
Progettisti e direttori dei lavori: José Enrique Fombella Guillem e Eduardo Paniagua García-Calderón
Data: 1982-1985

Il luogo dove si situano queste ville in una zona periferica di Madrid, fà che l`edificio sia un pezzo isolato nel paesaggio noiso di edifici con i tetti inclinati di tegola.

Il nostro progetto ha tuttavia una concezione classica que riprende la tradizione delle ville Palladiane fino a Le Corbusier, e si preoccupa di far sentire la presenza di un`architettura moderna in mezzo a un intorno spesso volgare, e suggerisce un` altra forma di abitare.

La loro potente geometria, i volumi bianchi e il loro profilo spezzato, rafforzano la presenza di un modo d`essere urbanizzato in un ambiente che non lo è.

Progettate da quattro famiglie con diversi modi di vivere, si è personalizzata la distribuzione all`interno che perciò è diversa in ogni casa, anche se ognuna mantiene l`immagine omogenea della facciata, visto che in quello tutti erano d`accordo.